ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Pioggia di peluche in Bielorussia: reazione Lukashenko "mostra sua debolezza"

Lettura in corso:

Pioggia di peluche in Bielorussia: reazione Lukashenko "mostra sua debolezza"

Dimensioni di testo Aa Aa

Il potere dell’ultimo dittatore europeo, Aleksandr Lukashenko, messo in crisi dall’invasione dei peluche.

Il presidente della Bielorussia silura chi non ha fermato l’aereo che ha sganciato centinaia di orsacchiotti, mostrando – dicono gli organizzatori dell’iniziativa – la sua debolezza: “Un dittatore può essere temuto e odiato, ma quando la gente inizia a ridere di lui, i suoi giorni sono contati – sostiene Thomas Mazetti, titolare dell’agenzia pubblicitaria Studio Total – Abbiamo capito subito che non c’erano piloti disponibili ad aiutarci. Non potevamo chiedere a nessuno perché tutti pensavano fosse una cosa folle, pericolosa e impossibile. Per noi non lo era e abbiamo deciso di farlo da soli. Abbiamo preso lezioni di volo, ottenuto la licenza e via”.

Lukashenko ha licenziato due generali, il capo delle forze aeree e quello delle guardie di frontiera, colpevoli di non aver respinto l’aereo nemico, pieno di peluche armati di paracadute e slogan per la difesa dei diritti umani.

Le autorità bielorusse, nel frattempo, hanno arrestato uno studente di giornalismo per aver pubblicato le foto degli orsacchiotti.