ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Aleppo, la testimonianza del giornalista di El Pais, Alvaro de Cozar

Lettura in corso:

Aleppo, la testimonianza del giornalista di El Pais, Alvaro de Cozar

Aleppo, la testimonianza del giornalista di El Pais, Alvaro de Cozar
Dimensioni di testo Aa Aa

Ad Aleppo, seconda città della Siria e suo cuore commerciale, si combatte la battaglia decisiva per le parti che si contendono il paese: l’esercito del presidente Bashar al-Assad e il fronte dei ribelli.

Euronews ha parlato al telefono col giornalista di El Pais, Alvaro de Cozar, che si trova ad Aleppo. “I ribelli – racconta il giornalista – cominciano a utilizzare i carri armati che hanno preso alle truppe del presidente Bashar. Non è chiaro pero’ se i ribelli siano in grado di sfruttare questi mezzi, che necessitano addestramento. Qualche giorno fa ho parlato con uno di questi civili che sono alla guida dei tank: mi diceva non ne guidava uno da cinque anni, dalla fine, cioè, del suo servizio militare”.

I ribelli affermano di controllare una buona metà della città. Sentiamo cosa afferma in proposito il giornalista di El Pais. “I ribelli parlano del 50 o del 60%. Ma va detto che non controllano la parte strategica della città, cioè il centro con gli edifici del potere. I ribelli controllano piuttosto i sobborghi di Aleppo. Hanno molti problemi ad arrivare alla città vecchia, perche’ è situata su una collina”.

Fonti umanitarie affermano che la popolazione è stremata. Oltre ai molti civili morti, comincia a scarseggiare anche il cibo. Qual è la situazione?

“Gli abitanti di Aleppo che non sono fuggiti -risponde il giornalista spagnolo – cercano di fare una vita normale. Alcuni commercianti cominciano a riaprire i loro negozi, soprattutto nelle zone controllate dai ribelli. Ma gli edifici sono distrutti: è curioso vedere i bambini raccogliere i detriti. La parte peggiore è riservata alla gente, perche’ le truppe del presidente Bashar al-Assad colpiscono con durezza le zone dove vive la popolazione civile”.