ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Usa-Israele, no all'intervento militare in Iran

Lettura in corso:

Usa-Israele, no all'intervento militare in Iran

Dimensioni di testo Aa Aa

E’ l’Iran il fulcro del meeting di mercoledi’ tra Israele e Stati Uniti. Il segretario Usa alla difesa, Panetta, è stato accolto dal suo omologo, Barak.
 
Nel complesso scacchiere mediorientale, le strade della diplomazia occidentale portano a Teheran e all’annosa, irrisolta questione del nucleare. 
Se l’Iran nega da anni lo sviluppo di armamenti, Israele denuncia costantemente la minaccia. 
Una preoccupazione condivisa da Washington.
 
“Non voglio alimentare speculazioni – ha detto Panetta alla fine del meeting – su quello che faremo o che non faremo. La mia speranza è lavorare insieme a Israele, dal momento che abbiamo un obbiettivo comune: cioè impedire all’Iran di avere armi nucleari”.
 
“Insieme al primo ministro israeliano – ha proseguito il segretario alla Difesa - credo che dobbiamo vagliare ogni ipotesi e ogni sforzo prima di scegliere un intervento militare. Questo è un punto importante”.  
 
L’Iran afferma che gli impianti nucleari presenti sul suo territorio siano destinati ad esclusivo uso civile, una versione che non ha mai convinto la comunità internazionale.
 
Se l’opzione militare non sembra probabile nell’immediato, il ministro israeliano Barak ha pero’ precisato che un eventuale ricorso alle armi è comunque una decisione che spetta a Israele.