ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La "regina" Pellegrini consegna definitivamente lo scettro

Lettura in corso:

La "regina" Pellegrini consegna definitivamente lo scettro

Dimensioni di testo Aa Aa

Federica Pellegrini arriva mestamente quinta nella prova regina del nuoto, i 200 stile libero che l’avevano consacrata campionessa olimpica. Titolo perso a favore dalla statunitense Alyson Schmitt assieme al record olimpico. Adesso i “rumors” sul ritiro della campionessa italiana si faranno certo più insistenti.

Per una stella che si offusca un’altra che forse nasce: il sudafricano Chad Le Clos. Esce dalla vasca nerissimo in volto Micheal Phelps dopo aver perso la medaglia d’oro nella sua specialità, i 200 farfalla all’ultima bracciata. Gara condotta al comando fino all’ultimo metro, quando Chad Le Clos si piazza davanti per soli cinque centesimi. Terzo posto e medaglia di bronzo per il giapponese Matsuda, staccato di 25 centesimi dal primo.

Ma la storia si ricorderà anche della performance di Michael Phelps. È lui ormai, l’atleta più medagliato di tutti nella storia dei giochi olimpici. Il nuotatore americano toglie lo scettro alla ginnasta sovietica Larisa Latinina. Per lui 19 podi e 15 titoli. Come lui, nessuno mai. Il 15esimo alloro arriva con la staffetta 4 × 200 libero dove si prenderà la rivincita finendo davanti ai francesi guidati da Yannick Agnel e dai cinesi Yang Sun. Appena un’ora prima Phelps aveva guadagnato la sua 18esima medaglia con l’argento nei 200 farfalla. Una specialità in cui il campione di Baltimora era imbattuto da 12 anni.

Le accuse di doping non scalfiscono la cinese Shiwen Ye che vince i 200 misti 3 giorni dopo la vittoria nei 400 misti, conditi dal record del mondo. La 16enne cinese s’impone davanti all’australiana Alicia Coutts.

Dall’acqua alle pedane della ginnastica, gli Stati Uniti confermano i risultati delle qualificazioni e vincono la medaglia d’oro nel concorso a squadre di ginnastica artistica femminile, migliorando l’argento di quattro anni fa a Pechino. Le atlete statunitensi hanno totalizzato 183,596 punti, lasciandosi alle spalle Russia (178,530), Romania (176,414) e Cina (174,430). La squadra azzurra chiude al settimo posto.