ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Trasferita in un convento la moglie del mostro di Marcinelle


Belgio

Trasferita in un convento la moglie del mostro di Marcinelle

Libertà condizionata per Michelle Martin, ex-moglie e complice di Marc Dutroux, il mostro di Marcinelle che tra il 95 e il 96 ha sequestrato, torturato e abusato sessualmente di 6 ragazze uccidendone 2 e provocando la morte di altre 2.

La Martin sarà trasferita dalla prigione in cui ha scontato 16 dei 30 anni della pena a un convento di suore clarisse a Malonne, nel sud del Belgio.

“Per la mia cliente, non è stato cancellato nulla, e come dice lei stessa, il senso di colpa la seguirà nella tomba. Ma non può cambiare quello che è successo. L’unica cosa che può ancora fare è redimersi”, ha detto l’avvocato della Martin.

La donna è stata condannata per aver rapito diverse vittime del marito e per averne lasciate morire di fame due, Julie Lejeune e Melissa Russo, entrambe di 8 anni.

Le famiglie delle vittime hanno criticato aspramente la decisione della magistratura belga. “Non accetto il perdono e il reinserimento” ha detto Jean Lejeune, padre di Julie.

Questa vicenda aveva scosso profondamente il Belgio. Molti, tra l’opinione pubblica, parlavano di complicità ad alto livello. Ipotesi rivelatesi infondate durante il processo.