ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Romania al voto per destituire il presidente Basescu

Lettura in corso:

Romania al voto per destituire il presidente Basescu

Dimensioni di testo Aa Aa

Un referendum per decidere il destino del presidente rumeno, Traian Basescu.
La Romania è chiamata oggi a scegliere se destituirlo con il voto popolare dopo la sospensione da parte della maggioranza parlamentare che sostiene il governo del primo ministro Victor Ponta.

Basescu è al potere dal 2004. Il suo secondo mandato sarebbe scaduto nel 2014. Oggi la sua popolarità è in deciso calo dopo le pesanti misure di austerity legate a un accordo di aiuti economici siglato con Fondo Monetario Internazionale e Unione Europea.

E proprio da Bruxelles arrivano le critiche ai metodi utilizzati del premier Ponta e del Parlamento rumeno, ritenuti ai limiti della democrazia.

Ma la validità del voto dipende dal quorum. Il 50% più uno degli aventi diritto deve esprimere una preferenza. E’ per questo che il partito vicino al presidente ha chiesto ai rumeni di boicottare il voto di oggi. L’affluenza intorno alle 16 ora italiana era del 27,4%

“Bisogna cambiare, è chiaro” dice un rumeno davanati ai seggi elettorali. “Non sopporto più la miseria del paese. L’istruzione – continua – è a terra hanno tagliato i salari e le pensioni senza adottare misure per la crescita economica. Questa non è una politica di diritto. E’ uno stile bolscevico”.

Un altro ci spiega cosa ha votato: “Ho votato per una Romania in cui i politici si occupino della prosperità del paese e del popolo, non delel proprie tasche”.

Il vero problema del paese è la crisi economica. Una crisi che ha richiesto aiuti internazionali condizionati a pesanti sacrifici da parte della popolazione. 5 miliardi di euro da parte del Fondo Monetario Internazionale. Un pacchetto di aiuti che l’instabilità politica del momento potrebbe mettere a rischio.