ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Più preservativi per contrastare la diffusione dell'Aids

Lettura in corso:

Più preservativi per contrastare la diffusione dell'Aids

Dimensioni di testo Aa Aa

Promuovere l’uso dei preservativi come metodo attivo per prevenire l’Aids. E’ uno dei punti emersi dalla Conferenza internazionale sull’Aids, appena conclusa a Washington.

Insieme alle cure mediche, divenute negli anni via via più efficaci, proprio il sesso sicuro rappresenta un terreno decisivo per vincere la battaglia contro una simile malattia, come ricorda la responsabile di un gruppo di attivisti.

“Ci teniamo a ricordare che secondo l’organismo dell’Onu sull’Aids, l’80 per cento delle infezioni avviene nell’ambito di rapporti sessuali non protetti”.

Tra le altre cose, resta da vincere la tendenza alla discriminazione dei gruppi a rischio, ma soprattitto l’ostilità aperta del mondo cattolico contro l’uso del condom.

“Omosessuali, transessuali, o assuntori di sostanze per via endovenosa continuano a essere vittime di discriminazioni e di tremende ineguaglianze”.

“E’ una epidemia che molti governi avrebbero voluto poter ignorare, e lo stesso vale per molti gruppi religiosi. Solo ora ci si accorge delle conseguenze”.

Gli oratori della Conferenza di Washington parlano un’altra lingua rispetto alla prima riunione mondiale, quella di San Francisco nel 1990. Nonostante i progressi fatti da allora la battaglia non è ancora vinta: l’HIV colpisce due milioni e mezzo di persone ogni anno.