ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Israele rafforza la frontiera con la Siria per respingere eventuali profughi

Lettura in corso:

Israele rafforza la frontiera con la Siria per respingere eventuali profughi

Dimensioni di testo Aa Aa

Israele rafforza le sue difese lungo la frontiera di fatto con la Siria, sulle alture del Golan. Nelle terre occupate nel 1967, lo stato ebraico aggiunge altro filo spinato, per prevenire l’eventuale arrivo di profughi dal paese lacerato dalla guerra civile.

Ma il timore principale delle autorità israeliane resta quello del possibile uso di armi chimiche, di cui il governo di Damasco dispone ingenti stock. Per questo è iniziata la distribuzione di maschere antigas.

“Se guardi alla frontiera capisci che sta succedendo. La situazione è diversa dal solito. Cosa accadrà nel futuro non lo so, per questo dobbiamo restare sempre pronti”.

“C‘è odore di guerra, di guerra chimica. E’ il momento opportuno per per cominciare a consegnare le maschere”.

Il governo israeliano ha fatto sapere che se armi chimiche siriane finissero in mano a Hezbollah, questo sarebbe sufficiente a giustificare un intervento militare.