ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Cina: evasione fiscale, maxi-multa per Ai Weiwei

Lettura in corso:

Cina: evasione fiscale, maxi-multa per Ai Weiwei

Dimensioni di testo Aa Aa

Ai Weiwei, il dissidente più famoso della Cina, è stato condannato, in appello, a pagare una multa per evasione fiscale pari a quasi due milioni di euro.

L’artista era stato detenuto senza motivo per 81 giorni, lo scorso anno. Poco dopo il suo rilascio, una società intestata alla moglie è stata accusata di evasione fiscale. Oggi il tribunale di Pechino ha respinto il ricorso presentato dai suoi legali:

“La sentenza dimostra che la Cina non ha ancora una struttura legale di base e che non ha alcun rispetto per la verità – ha detto l’attivista, commentando la sentenza – L’ intero sistema giudiziario è immerso nel buio. Se una persona vuole esprimere la sua opinione su quello che realmente accade in questo Paese, commette un crimine”.

Al contrario di altri dissidenti, Ai Weiwei, 55 anni, è molto conosciuto in Cina. Più di 30mila persone hanno contribuito alla sottoscrizione per pagare il deposito di quasi un milione di euro necessario a ricorrere in tribunale contro la maxi-multa.