ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Siria, per l'Occidente l'attentato è conseguenza del regime

Lettura in corso:

Siria, per l'Occidente l'attentato è conseguenza del regime

Dimensioni di testo Aa Aa

L’attentato in Siria, condannato dal segretario dell’Onu Ban Ki Moon, sottolinea, secondo molti, l’indebolimento del regime. E mentre la Russia blocca le sanzioni contro Assad, la Casa Bianca afferma che chi lo appoggia sta dalla parte sbagliata.

“Penso che l’accaduto – precisa il portavoce di Washington Jay Carney – dimostri che Assad sta perdendo il controllo, che la violenza sta crescendo anziché diminuire, e che tutti i nostri partner, a livello internazionale, devono unirsi e sostenere la transizione.”

La Francia condanna l’attentato, ma lo considera una conseguenza delle azioni delle autorità siriane. “Sappiamo bene – dichiara il ministro degli esteri Laurent Fabius – che l’origine di tutto ciò è il comportamento del regime di Bashar al-Assad, ma nel momento in cui questo regime massacra, ci sono reazioni, può svilupparsi il terrorismo e la stessa Siria, il cuore della Siria, può essere distrutto.”

Il governo italiano esclude che il regime possa rimanere al potere. Il ministro degli esteri Giulio Terzi sostiene: “Non c‘è che una soluzione politica, basata sull’uscita di scena di Assad e dei suoi principali collaboratori, su una reale partecipazione di tutte le correnti dell’opposizione, il più unite possibili.”