ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Siria, Onu vota oggi su sanzioni, ma Mosca frena

Lettura in corso:

Siria, Onu vota oggi su sanzioni, ma Mosca frena

Dimensioni di testo Aa Aa

Tutti d’accordo sulla necessità di far tacere le armi in Siria. Ma su come arrivarci, le posizioni restano distanti. L’incontro a Mosca fra l’inviato dell’Onu Kofi Annan e il presidente Putin non ha sciolto le perplessità della Russia sulla risoluzione che oggi all’Onu gli Stati Uniti vorrebbero far approvare con riferimento al Capitolo 7 della Carta delle Nazioni Unite. Quello che prevede sanzioni economiche, ma anche eventuali interventi militari.

Mosca rifiuta il testo, mentre gruppi dell’opposizione siriana, riuniti a New York, lo sostengono con forza.

Bassma Kodmani, del Consiglio Nazionale Siriano, dichiara: “Non abbiamo mai promosso uno scenario come quello libico perché sappiamo che costerebbe caro. A quei Paesi, in particolare la Russia, che stanno bloccando la decisione del Consiglio di Sicurezza, diciamo che oggi una risoluzione sotto il capitolo 7, dal nostro punto di vista, è il modo migliore per evitare una soluzione militare in Siria.”

Intanto fonti dell’Onu confermano l’escalation degli scontri anche a Damasco. Altre fonti raccontano di una città presidiata in forze dagli shabiha in assetto di guerra.
L’opposizione aveva annunciato: la battaglia decisiva per la liberazione della capitale è cominciata.