ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La crisi colpisce Puma

Lettura in corso:

La crisi colpisce Puma

Dimensioni di testo Aa Aa

Alla fine la crisi dell’Eurozona ha colpito anche Puma. Il produttore tedesco di articoli sportivi ha emesso un profit warning sui conti annuali a causa della diminuzione della domanda europea.

Il gruppo, controllato dalla francese Ppr, ha visto il titolo in calo quasi del 5% alla borsa di Francoforte: il più forte ribasso sull’indice MDax.

Puma, che renderà noti i risultati semestrali il prossimo 26 luglio, ha già fatto sapere che i profitti netti e l’utile operativo saranno in calo. Il giro d’affari, invece, sarà in rialzo, ma meno del previsto.

Il terzo fabbricante di articoli sportivi, dietro Nike e Adidas, è più esposto dei suoi concorrenti sui mercati dell’Europa occidentale dove registra il 45% del fatturato complessivo. L’aumento del tasso di disoccupazione limita il potere d’acquisto. I giovani al di sotto dei 25 anni, principale target della moda sportswear, sono i più colpiti dalla crisi: a maggio il 22,6% era senza lavoro.

Risultato: Puma punta ormai a una crescita limitata al 5% del fatturato annuo, la metà di quanto aveva preventivato. Infine Puma si è impegnata in una ristrutturazione che costerà 100 milioni di euro e avrà riflessi immediati sull’utile.