ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Israele: Kadima lascia il governo, per ora la maggioranza tiene

Lettura in corso:

Israele: Kadima lascia il governo, per ora la maggioranza tiene

Dimensioni di testo Aa Aa

Netanyahu perde l’alleato principale, il partito Kadima, che esce dal governo. È durata solo due mesi la grande coalizione in Israele: i centristi ora lasciano perché in disaccordo con una disponibilità considerata eccessiva nei confronti degli ultra-ortodossi.
L’esecutivo ha ancora una maggioranza parlamentare, ma adesso dipende dai piccoli partiti. Il giudizio del leader di Kadima è molto severo:
“Non sarà solo l’opinione pubblica a giudicare Benjamin Netanyahu, lo giudicherà anche la storia, e la storia non è gentile con chi avrebbe potuto fare tutto e si è limitato a non fare nulla”, ha detto Shaul Mofaz.
L’oggetto del contendere è la riforma del servizio militare, dal quale erano finora esonerati gli ebrei ortodossi e gli arabi. Una commissione parlamentare propone di rendere la leva obbligatoria per tutti, anche se per gli arabi si tratterebbe di servizio civile. Netanyahu, la cui maggioranza include due partiti religiosi, avrebbe voluto procedere con gradualità, Kadima vuole invece la leva a diciott’anni per tutti e da subito, stessa posizione della destra laica, che è divenuta fondamentale per la tenuta del governo.