ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Attentato a Damasco: uccisi il ministro della Difesa e il cognato di Assad

Lettura in corso:

Attentato a Damasco: uccisi il ministro della Difesa e il cognato di Assad

Dimensioni di testo Aa Aa

 
 
Pesante colpo al regime siriano. Morti in un attentato suicida il ministro della Difesa e il suo vice, cognato del presidente Bashar Al Assad. Feriti anche il ministro degli Interni e il capo dell’intelligence siriana. E’ stata una guardia del corpo del presidente a farsi saltare in aria durante una riunione di gabinetto alla presenza di Bashar al Assad.
 
L’attentato è avvenuto mentre a Damasco si inaspriscono gli scontri tra esercito e ribelli: una caserma sarebbe stata colpita vicino al palazzo presidenziale e un elicottero abbattuto dagli insorti. Nelle ultime 48 ore sono oltre sessanta i soldati uccisi nella capitale, secondo l’Osservatorio siriano per i Diritti dell’Uomo. 
 
Il sollevamento in Siria è entrato in una nuova fase,secondo gli esperti. Per la Croce Rossa è ormai una “guerra civile”, ma i fedelissimi del governo negano l’assalto “finale” di cui parlano i ribelli. 
 
 
“Penso che la situazione a Damasco sia ampiamente sotto il controllo delle forze governative  – dice il caporedattore del giornale ufficiale siriano Al Baath – e queste elimineranno i ribelli nelle regioni più calde del conflitto”.
 
Altri combattimenti sono stati registrati ad Aleppo e nella regione di Homs dove l’esercito libero siriano dice di controllare la città di Talbiseh. Ed è lì che i disertori avrebbero confiscato alcuni carri armati dell’esercito regolare.