ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Fmi prevede una crescita in ribasso

Lettura in corso:

Fmi prevede una crescita in ribasso

Dimensioni di testo Aa Aa

La crescita economica mondiale è debole. Peggio. Sta rallentando. Colpa sia dei Paesi avanzati che di quelli emergenti, dalla Cina all’India tutti stanno segnando il passo. Quest’anno si salva solo la Germania le cui stime sono stale alzate fino all’1%. La fotografia è stata scattata dal Fondo monetario internazionale nell’aggiornamento delle sue stime crescita. E così nel loro rapporto gli economisti di Washington chiedono un’azione immediata che eviti l’ulteriore deterioramento del quadro: “La ripresa globale, già tutt’altro che sostenuta dall’inizio, ha mostrato negli ultimi tre mesi segni di ulteriore indebolimento”. In generale, l’organizzazione di Washington ha rivisto al ribasso le previsioni pubblicate ad aprile: la crescita del Pil mondiale si fermerà al 3,5% quest’anno e al 3,9% il prossimo, rispettivamente lo 0,1% e lo 0,2% in meno rispetto a quanto pubblicato in primavera.
Le stime sul Pil italiano sono tuttavia più ottimiste rispetto a quelle del presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, secondo l’economia si contrarrà di almeno il 2,4%. Secondo il Fmi la contrazione sarà dell’1,9% quest’anno e dello 0,3% il prossimo