ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Francia: dura reazione del Governo alla ristrutturazione di Peugeot

Lettura in corso:

Francia: dura reazione del Governo alla ristrutturazione di Peugeot

Dimensioni di testo Aa Aa

8.000 posti da tagliare, la chiusura della fabbrica di Aulnay sous-Bois, la drastica riduzione degli effettivi nello stabilimento di Rennes: il primo gruppo automobilistico francese, Peugeot CSA, ha dato l’annuncio-choc in mattinata. Il Ministro per lo Sviluppo economico, Arnaud Montebourg, dopo una prima reazione a caldo e l’annuncio di un prossimo incontro con i sindacati del gruppo automobilistico ha rincarato, in studio nel corso del principale Tg della sera:

“Perché l’anno scorso – ha chiesto – Peugeot ha distribuito dividendi agli azionisti per 250 milioni, e il governo che ci ha preceduti non ha reagito? Perché l’anno scorso ha riacquistato azioni proprie per 199 milioni? Soldi usati non per l’investimento, per la competitività, ma operazioni finanziarie di convenienza. Sono questioni che ora dovremo mettere in chiaro”, ha detto il ministro, che ha ricordato come Peugeot abbia ottenuto aiuti dallo Stato, negli ultimi anni, per oltre quattro miliardi di euro.