ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Russia: Parlamento approva la legge sulla black list dei siti web

Lettura in corso:

Russia: Parlamento approva la legge sulla black list dei siti web

Dimensioni di testo Aa Aa

La camera bassa del Parlamento russo ha approvato all’unanimità la discussa legge sull’introduzione di una black list dei siti web vietati. L’obiettivo è creare una lista nera dei siti internet pericolosi, in particolare quelli che diffondono la pedopornografia, promuovono l’uso di droga e istigano al suicidio. Il provvedimento prevede l’istituzione di un registro gestito da un organo incaricato dal governo.

Operatori e utenti del web si sono mobilitati, immediata la reazione di Yandex, il principale motore di ricerca, che ha cancellato la parola ‘‘tutto’‘ dal proprio slogan on line ‘‘si trova tutto’‘.

“Non abbiamo bisogno di tali informazioni, internet è uno spazio che i genitori non possono controllare. Le loro richieste e quelle delle associazioni sono cento volte di più rispetto a quelle arrivate in supporto di Wikipedia” dice la deputata Elena Mirzulina, Presidente della Commissione famiglia.

Martedì la versione russa di Wikipedia ha listato a lutto la propria home page, sospendendo per un giorno la sua attività. Al provvedimento manca solo la firma del presidente Putin.