ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Dalla ricerca al business

Lettura in corso:

Dalla ricerca al business

Dimensioni di testo Aa Aa

Come può una piccola impresa specializzata nella ricerca riuscire a ottenere un finanziamento per la sua attività? Per prima cosa vanno individuati i bisogni, quindi bisogna valorizzarne il potenziale e saper trovare i giusti partner.
Esiste a livello europeo una rete di esperti e professionisti che aiuta le Pmi nella costruzione di un percorso di successo.

Neuroproof è una piccola impresa di Rockstock, Germania. L’azienda si occupa ad esempio di creare modelli dell’attività elettrica cerebrale ai laboratori impegnati nello sviluppo di medicinali contro le malattie neurologiche, come ad esempio il Parkinson. Creata nel 2007, l’impresa è passata rapidamente da 4 a 17 dipendenti. Un successo ottenuto grazie a un duro lavoro, ma anche grazie alla consulenza gratuita di un gruppo di esperti riuniti in una rete europea- Enterprise Europe Network.

Racconta Alexandra Voss, Capo della sezione scientifica dI Neuroproof:“Grazie all Enterprise Europe Network possiamo trovare i partner adatti. In questo modo riusciamo a creare dei modelli specifici. Ad esempio stavamo lavorando su un progetto dedicato al dolore: e abbiamo creato un modello specifico. Oppure in un altro lavoravamo con le cellule staminali, abbiamo fissato un modello di lavoro. Aver trovato i destinatari giusti è stato ciò che ci ha davvero aiutato”.

La società tedesca ha ottenuto oltre 400 mila euro di finanziamenti grazie ai partenariati, che le hanno anche permesso di partecipare a progetti di ricerca comunitari in collaborazione con altri centri di ricerca.

Alexandra Koss aggiunge:“Senza questi aiuti non saremmo riusciti a mettere a punto le tecnologie adatte ai modelli creati sulle cellule staminali o ai modelli transgenici. Sono progetti costosissimi in termini di tempo e denaro. Per questo tipo di cose si ha davvero bisogno di partnership a livello internazionale”.

L’impresa tedesca si avvale della collaborazione di Frank Graage, uno dei 3000 esperti facenti parte del Network europeo. Dopo aver sviluppato le tecnologie adatte, la società ha già assunto 3 persone per promuoverne la diffusione. Racconta Frank:“Oggi le applicazioni sono molto più avanzate. Conoscono esattamente in quali aree ci si deve concentrare e in quali mercati. Per noi si tratta adesso di aiutarli a sviluppare nuove prospettive..per questo ci stiamo occupando al momento di cercare investitori, ma anche centri di ricerca interessati a cooperare”.

Per Alexandra Koss la chiave del successo é:“Cercare dei partner a livello mondiale per lo sviluppo del business, ma anche per garantire il giusto sviluppo scientifico. Ma soprattutto rendere le persone felici!”.