ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Condannato ma non troppo. Olmert scampa alle principali accuse

Lettura in corso:

Condannato ma non troppo. Olmert scampa alle principali accuse

Dimensioni di testo Aa Aa

Condannato ma non troppo. Alla sbarra per tre casi di corruzione, Ehud Olmert viene assolto dalle principali accuse.

Riconosciuto colpevole per un episodio risalente a quando era Ministro, l’ex premier israeliano rischia tuttavia fino a tre anni di carcere.

La Corte distrettuale di Gerusalemme ha recepito gli argomenti della difesa e respinto le accuse di frode e abuso di fiducia, relative a due altri episodi, verificatisi nello stesso periodo.

“Non c‘è stata corruzione e non c‘è stato nulla di tutto ciò di cui hanno provato ad accusarmi – ha commentato Olmert appena dopo il verdetto -. Si è invece ritenuto di condannarmi per il caso del ‘Centro d’investimenti’. Rispetto la decisione della Corte e ne trarrò le necessarie conclusioni”.

Tutti i reati a lui contestati si riferiscono al periodo in cui Olmert era sindaco di Gerusalemme e Ministro di industria e commercio. Accuse che nel 2008 lo indussero poi ad annunciare le dimissioni dalla guida del Governo.

La condanna riguarda una serie di prestiti a un suo ex associato in uno studio legale, che Olmert avrebbe favorito, abusando della sua posizione.

L’ex premier è stato invece assolto dall’accusa di aver aver preso mazzette milionarie da un uomo d’affari statunitense e di aver gonfiato i propri rimborsi.

Da gennaio, su di lui pende tuttavia una nuova accusa di corruzione, relativa alla costruzione di un lussuoso complesso immobiliare, che risale a quando era sindaco di Gerusalemme.