ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Accordo a Ginevra per una transizione in Siria

Lettura in corso:

Accordo a Ginevra per una transizione in Siria

Dimensioni di testo Aa Aa

Il gruppo di azione sulla Siria ha raggiunto a Ginevra un accordo per una transizione nel Paese.

Un processo, ha detto l’inviato speciale delle Nazioni Unite e della Lega Araba, Kofi Annan, che deve portare alla soddisfazione delle legittime aspirazioni del popolo siriano e a un governo di unità nazionale.

D’accordo sul principio ma divisi per il resto, in particolare sul destino del presidente siriano.

Per gli Stati Uniti, la strada verso l’era post-Assad è comunque aperta. Queste le tappe salienti: “La formazione di un organo di governo di transizione con pieni poteri esecutivi, di largo consenso e scelto di comune accordo”, ha dichiarato il segretario di stato americano, Hillary Clinton, “all’interno di un processo trasparente per rivedere la Costituzione e preparare elezioni libere e multipartitiche”.

Cina e Russia ribadiscono invece che tocca ai siriani decidere. E l’intesa, sottolinea Mosca, non implica necessariamente le dimissioni del presidente siriano.

“Il testo non pone nessuna condizione preliminare per l’avvio del processo di transizione e di dialogo a livello nazionale”, ha spiegato il ministro degli esteri russo, Sergej Lavrov, “e non vi è alcuna esigenza di escludere nessuna parte da questo processo”.