ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Israele: polemiche per la prima Miss Olocausto

Lettura in corso:

Israele: polemiche per la prima Miss Olocausto

Dimensioni di testo Aa Aa

Polemiche in Israele per Miss Olocausto, concorso di bellezza per le sopravvissute dei campi di concentramento.

Una gara giudicata da molti fuori luogo e offensiva, in un paese dove ancora vivono 200 mila persone segnate dalla Seconda guerra mondiale.

Per gli organizzatori, invece, un modo per pensare positivo e uscire dalla depressione, un inno alla vita che premia la capacità di reagire più che la bellezza:

“Ho il privilegio di mostrare al mondo che Hitler voleva sterminarci ma siamo ancora vivi e ci sono momenti in cui ci godiamo anche la vita”, ha detto Esther Libber, ebrea polacca di 74 anni, “Abbiamo avuto figli e nipoti e siamo grati per questo”.

Trecento le partecipanti, 14 le finaliste che hanno sfilato davanti alla giuria, composta da ex reginette di bellezza e una psichiatra geriatrica che cura i danni della Shoah.

Lo scettro di questa prima, controversa edizione è andato alla 79enne rumena Hava Hershkovitz.