ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Hollande e Merkel: "progressi importanti", ma restano divisioni

Lettura in corso:

Hollande e Merkel: "progressi importanti", ma restano divisioni

Dimensioni di testo Aa Aa

Sarebbe facile parlare di vincitori e vinti, ma nessuno vuole metterla su questo piano al Consiglio europeo. Non Mario Monti e nemmeno lo spagnolo Mariano Rajoy, anche se Spagna e Italia hanno toccato un traguardo politico importante, che non era scontato.

Determinante, per il buon esito delle trattative, l’appoggio della Francia di Francois Hollande: “Ci siamo mossi tutti insieme, il modo migliore di far muovere gli altri e cominciare a farlo per primi. Sui tre obiettivi che mi ero prefissato – misure per la crescita, per il breve termine e per una visione di insieme – abbiamo fatto progressi importanti”.

Il giudizio positivo espresso da Hollande è stato ripreso, nel giro di pochi minuti, anche da Angela Merkel. Ma la priorità, per il cancelliere tedesco, è riaffermare al proprio elettorato che la Germania non ha ceduto nella difesa dei propri principi: “Siamo rimasti fedeli al nostro schema attuale: sforzi, contropartite, condizioni e controllo. Ecco perché penso che abbiamo raggiunto un risultato importante, pur restando fedeli alla nostra filosofia: nessuno sforzo senza contropartite”.

Merkel ha precisato che Unione europea e Bce monitoreranno ogni operazione di acquisto di bond da parte dei fondi salva-stati.