ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Vigilia vertice Bruxelles: Monti media tra Parigi e Berlino

Lettura in corso:

Vigilia vertice Bruxelles: Monti media tra Parigi e Berlino

Dimensioni di testo Aa Aa

Rigore o crescita. È ormai il dilemma che sintetizza la crisi in cui è imbrigliata l’Unione Europea. Alla vigilia del vertice di Bruxelles che deve salvare la moneta unica, la lista nera dei Paesi costretti a chiedere l’aiuto del Fondo Salva Stati si allarga a Cipro, dopo Grecia, Irlanda, Portogallo e Spagna.

Il Premier Mario Monti, che si è detto pronto a protrarre i lavori a oltranza, ha insistito ieri sul ruolo avuto dall’Italia nell’avvicinare le posizioni di Berlino e Parigi.

“Per questo credo che oggi, in un momento così intenso e carico di preoccupazione per il futuro dell’Unione Europea, sia importante che l’Italia arrivi al negoziato del Consiglio Europeo difficilissimo con la forza di un tandem governo-parlamento, di un sistema Paese, di un motore unico che spinga con maggiore forza la politica europea a muovere nella direzione auspicata” ha detto Monti.

Un avvicinamento ancora tutto da dimostrare nei fatti quello tra Francia e Germania ma dal quale dipende la tenuta dell’Unione. E per preparare il vertice di giovedì e venerdì, ieri sera a Parigi si sono incontrati i ministri delle Finanze francese, tedesco, italiano, spagnolo. Incontro cui non è seguita alcuna conferenza stampa, alcun commento, nessuna indiscrezione.