ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il Consiglio d'Europa parla di disoccupazione giovanile

Lettura in corso:

Il Consiglio d'Europa parla di disoccupazione giovanile

Dimensioni di testo Aa Aa

I giovani come risorsa e non come problema per l’Europa. L’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa, riunita questa settimana, ha affrontato la questione dell’impatto della crisi sul mercato del lavoro.

Gli under 24 sono la categoria più colpita, con un tasso di disoccupazione medio passato dal 15% nel 2008 ad oltre 24% quest’anno.

Ancora più avvilenti le cifre quando si passa ad analizzare la situazione dei singoli Stati, con i picchi del Sud dell’Europa dove 1 giovane su 3 è senza lavoro, come in Italia e Portogallo, e più di 1 su 2 in Spagna e Grecia.

Luca Volonté, relatore del rapporto “La giovane generazione sacrificata”: “Milioni di giovani in Europa hanno deciso di abbandonare gli studi, hanno smesso di cercare lavoro e si sono lasciati cadere in una sorta di limbo” spiega. “Sono milioni di persone, un’intera generazione che abbiamo completamente perduto per il futuro e per lo sviluppo d’Europa e dobbiamo fare qualcosa”.

Tra le proposte concrete avanzate nel rapporto, sgravi fiscali per i giovani imprenditori, per i datori di lavoro che assumono apprendisti e un insegnamento più allineato con le richieste del mercato del lavoro.