ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ankara-Damasco, la tensione sale. La Nato: aereo abbattuto, episodio inaccettabile

Lettura in corso:

Ankara-Damasco, la tensione sale. La Nato: aereo abbattuto, episodio inaccettabile

Dimensioni di testo Aa Aa

Sale la tensione tra Turchia e Siria dopo l’abbattimento di un caccia dell’aeronautica turca nei pressi del confine siriano.

Ankara sostiene che l’aereo, un F4 disarmato, fosse in missione di ricognizione nello spazio aereo internazionale, venendo colpito da un missile a guida laser.

Al contrario, Damasco sostiene che il caccia stesse volando nello spazio aereo siriano, a pochi km dalla costa e a soli 100 metri di altitudine.

Sull’incidente ha riferito in parlamento il primo ministro Erdogan, promettendo ferme reazioni per il futuro:

“Le regole d’ingaggio per le forze armate turche sono cambiate dopo questo episodio. Ogni soggetto militare che si avvicini al confine turco dalla Siria e ponga rischi per la sicurezza, sarà visto come una minaccia e trattato come un obiettivo militare”.

La Nato ha convocato il Consiglio atlantico, come succede quando un paese membro viene minacciato, ma senza prendere in considerazione la clausola di difesa collettiva.

Il segretario generale Rasmussen ha usato parole misurate:

“Mi aspetto che la situazione non continui in questa escalation. Quello che abbiamo visto è un atto del tutto inaccettabile”.

Ma sulla vicenda c‘è anche spazio per i misteri. Un deputato turco sostiene che ad abbattere l’F4 non sarebbero stati i siriani, ma una portaerei russa che incrocia nel Mediterraneo.