ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Spagna: soldi dall'Europa per salvare le banche

Lettura in corso:

Spagna: soldi dall'Europa per salvare le banche

Dimensioni di testo Aa Aa

Alla fine è arrivato anche l’atto formale. In una lettera inviata all’Eurogruppo la Spagna ha chiesto ufficialmente un prestito per essere in grado di salvare le proprie banche, travolte dall’esplosione della bolla immobiliare.

Madrid non ha ancora comunicato la cifra di cui ha bisogno ma, secondo gli stress test della scorsa settimana, potrebbe chiedere un prestito di 62 miliardi di euro. Una cifra alta, sicuramente, ma molto inferiore rispetto ai 100 miliardi messi sul piatto dall’Europa.

E intanto il premier Mariano Rajoy ribadisce che dalla moneta unica non si torna indietro: “La valuta attuale è irreversibile. E nel prossimo consiglio europeo dovremo trovare il modo di avanzare gradualmente verso una piena integrazione. Ecco perché avremo bisogno di stabilire un calendario con fasi concrete e criteri di qualificazione in modo da raggiungere gli obbiettivi delle fasi. Il messaggio politico deve essere forte e il calendario d’integrazione deve essere chiaro in modo che venga ristabilita la fiducia nella stabilità dell’euro”.

Il prestito, i cui dettagli dovranno essere resi noti entro il nove luglio (data in cui si riunisce l’Ecofin)
sarebbe su 15 anni con un tasso d’interesse fra il 3 e il 4%. Immediato l’impatto negativo della richiesta sulla Borsa di Madrid.