ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Egitto: la festa a piazza Tahrir

Lettura in corso:

Egitto: la festa a piazza Tahrir

Dimensioni di testo Aa Aa

La festa in piazza Tahrir è scoppiata, incontenibile: i Fratelli Musulmani hanno occupato questa piazza da giorni, ma insieme a loro sono venuti anche i militanti di altri movimenti che avevano preso parte alla rivoluzione e che celebrano oggi un nuovo passo, almeno simbolico, verso la fine di un vecchio regime che non era solo quello di Mubarak: era, ed è ancora, quello dell’esercito.

I commenti in piazza:
“È una grande gioia. È la vittoria della legalità. La vittoria della rivoluzione. Così ci possiamo sbarazzare di quel che resta del vecchio regime. Perché sono loro la causa di tutti i problemi dell’Egitto dall’inizio del regno di Mubarak fino ad oggi. Il popolo egiziano ha sofferto molto, oggi può tirare un sospiro di sollievo, ha potuto realizzare il proprio sogno. Il sogno della rivoluzione”.

“Ora vogliamo che il Consiglio militare passi i poteri al nuovo Presidente eletto dal popolo. Chiediamo la revoca dell’emendamento costituzionale che ci hanno imposto. Il popolo ha scelto il suo presidente, ha scelto il suo potere esecutivo, e bisogna rispettarne la volontà”.

“Sono molto contenta, è un grande giorno per l’Egitto. Non trovo le parole per esprimere la mia gioia”.

L’inviato di Euronews:
“Non è detto che la vittoria di Mohammed Morsi alle elezioni presidenziali rappresenti la fine della crisi politica in Egitto, ma apre un nuovo capitolo nello scontro con il Consiglio militare che conserva ancora il potere legislativo e buona parte del potere esecutivo”.