ULTIM'ORA

Lettura in corso:

I Fratelli Musulmani temono un colpo di stato in Egitto


Egitto

I Fratelli Musulmani temono un colpo di stato in Egitto

I Fratelli Musulmani temono un colpo di stato militare in Egitto. Aspettando le comunicazioni ufficiali sull’esito delle presidenziali, il loro candidato Mohamed al-Morsi, ha ribadito la propria determinazione a continuare a battersi contro le decisioni del Consiglio supremo di difesa.

Al-Morsi ha negato l’esistenza di conflitti tra il suo movimento e l’esercito, ma ha rivendicato il diritto di criticare quelle decisioni assunte dal Consiglio che ritenesse sbagliate. “Sbagliate le decisioni di questi giorni, il decreto costituzionale e lo scioglimento del parlamento, e su questo sappiamo di non essere daccordo”.

Intanto, piazza Tahrir è di nuovo tornata ad accogliere i manifestanti: centinaia di migliaia di persone che riconoscono solo la vittoria di al-Morsi.

“I militari devono uscire dalla politica, e occuparsi di proteggere il paese”.

“Tutti questi ritardi nei risultati delle elezioni alimentano i dubbi, e i militari fanno pensare di non voler trasferire il potere che tengono nelle loro mani”.

Le forze dell’opposizione si dicono pronte a collaborare con al-Morsi per un paese “democratico” e basato sulla giustizia sociale, mentre i militari dal canto loro hanno detto che useranno la forza, se fosse a rischio la stabilità del paese.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

mondo

Spagna: corteo anti-Merkel dei "nonni-indignados".