ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Egitto: in attesa del presidente, in piazza contro l'esercito

Lettura in corso:

Egitto: in attesa del presidente, in piazza contro l'esercito

Dimensioni di testo Aa Aa

L’Egitto, diviso tra due candidati presidenti, si accinge a tornare in piazza per una grande manifestazione pomeridiana.

La protesta ad alta tensione è contro la giunta militare che ha sciolto il parlamento dominato dai Fratelli musulmani e intende tenersi il potere legislativo e altri ruoli istituzionali chiave, anche dopo il passaggio di consegne al futuro capo di stato.

“Chi sceglie il parlamento? Non è il popolo? O è la giunta militare o il maresciallo?”, afferma Hassan Mohamed, disoccupato, “Queste persone hanno il potere, non vogliono tornare nelle caserme”.

“Mohamed Morsi, a Dio piacendo, avrà il potere”, aggiunge Abdullah Ahmed, “e non accetteremo che avvenga diversamente”.

I risultati del ballottaggio non si avranno prima di giovedì ma per i Fratelli musulmani è chiaro: il presidente egiziano del dopo Mubarak è Mohamed Morsi.
Dal canto suo, Ahmed Shafiq, ex primo ministro sotto il vecchio regime, rivendica a sua volta la vittoria alle urne. Il suo staff accusa il rivale di voler “scippare” le elezioni.