ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Disordini durante il voto in Egitto

Lettura in corso:

Disordini durante il voto in Egitto

Dimensioni di testo Aa Aa

I seggi sono aperti dalle otto di mattina e già si registrano i primi disordini.
Secondo il quotidiano egiziano Echourouk, la polizia ha arrestato un gruppo di persone in possesso di penne dall’inchiostro cancellabile. Il giornale filo-governativo Al Aharam riferisce di scontri con alcuni elettori che rifiutavano di utilizzare le penne fornite nei seggi.

Lo spiega questa rappresentante di Ahmed Chafiq: “Le persone sono preoccupate, perché gira voce che l’inchiostro delle biro si cancelli dopo un’ora. La gente cerca di usare le proprie, ma non si può, la regola che è che bisogna usare la penna che viene data nel seggio”.

“Abbiamo uno Stato civile, non vogliamo che mischino religione e politica. Un mix che è già stato esplosivo”.

L’arrivo di un islamista al potere è inviso anche alla minoranza cristiana copta, che rappresenta il 10% della popolazione.

Questa sfida tra Chafiq e Morsi rispecchia la battaglia tra il consiglio militare e i sostenitori del vecchio regime da una parte, e gli islamisti e chi supporta la rivoluzione dall’altra parte. Ma indipendentemente da chi vincerà, gli scontri non finiranno.