ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Opec: l'Arabia saudita chiede un aumento della produzione

Lettura in corso:

Opec: l'Arabia saudita chiede un aumento della produzione

Dimensioni di testo Aa Aa

Atmosfera tesa a Vienna in occasione della tradizionale riunione dell’Opec, organizzazione che raggruppa i principali paesi produttori di petrolio.
L’Arabia Saudita ha riaperto le ostilità, in quanto ritiene necessario un rialzo del tetto di produzione, fermo da dicembre a 30 milioni di barili al giorno, ma da tempo superato di quasi 2 milioni.

Secondo quest’analista la primavera araba significa che questi paesi sono sotto pressione. Nello stesso tempo diventa molto difficile per gli investitori puntare su questi paesi a caausa dell’incertezza politica.

Il petrolio ha intanto ripreso a calare: il Brent ha chiuso a 97,5 dollari /barile (-1,5%), ai minimi da 16 mesi e oltre il 20% sotto il picco di marzo, quando aveva superato 128 dollari il barile.
Fino a poco fa, gli analisti pronosticavano unanimemente che stavolta le incertezze sull’economia globale avrebbero indotto il Cartello a non muoversi. Persino l’Iran aveva affermato che, in accordo con l’Iraq, avrebbe proposto di lasciare immutato il tetto.