ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Russia, Udaltsov sulle perquisizioni: "Vogliono spaventare"

Lettura in corso:

Russia, Udaltsov sulle perquisizioni: "Vogliono spaventare"

Dimensioni di testo Aa Aa

Un atto per indimidire chi scende in piazza contro Vladimir Putin. Così i leader dell’opposizione, che hanno visto la polizia fare irruzione nelle loro case alla vigilia della grande manifestazione di questo martedì. Perquisizioni condotte nell’ambito dell’inchiesta sulla protesta avvenuta a maggio contro l’elezione di Putin a presidente.

“Vogliono spaventare le persone – denuncia uno degli uomini simbolo della protesta, Sergey Udaltsov – vogliono solo che le persone obbediscano, restino a casa e facciano quello che dice ‘Russia Unita’ e Vladimir Putin”

Invece di partecipare alla marcia organizzata nella capitale i principali leader dell’opposizione verranno interrogati dalla polizia.

“È una vera e propria provocazione dobbiamo pensare come rispondere” dice questo giornalista.

Sono una decina i personaggi pubblici coinvolti, secondo alcuni si tratta di una vera e propria strategia della tensione che riporta la Russia agli anni del ‘terrore in stile stalinista’. L’opposizione punta il dito anche contro la legge che sanziona con multe salatissime le manifestazioni non autorizzate.