ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Russia, la legge anti-proteste passa alla Duma

Lettura in corso:

Russia, la legge anti-proteste passa alla Duma

Dimensioni di testo Aa Aa

Malgrado lo “sciopero italiano”, così l’opposizione aveva definito la valanga di emendamenti che intendeva seppellirla, è stata approvata dalla Duma la contestata legge antiproteste.

Un giro di vite contro le manifestazioni anti Putin, voluta fortemente dal suo partito Russia Unita.

Gente in piazza, anche se non molta, pure nel giorno del sì alla Camera russa. Venti le persone arrestate, tra le quali il leader del partito Yabloko, Sergey Mitrokhin, che appena prima di essere portato via ha detto:

“La gente non sarà libera di fare una passeggiata. E non solo di andare in strada per esprimere opinioni politiche, ma di camminare del tutto”.

La nuova normativa prevede pesanti inasprimenti delle sanzioni comminate a chi partecipa a manifestazioni non autorizzate.

Perché diventino legge a tutti gli effetti manca l’esame finale del Consiglio della Federazione, il Senato russo e la firma del presidente. Vladimir Putin, ovviamente.

L’opposizione definisce le nuove norme incostituzionali e si prepara già a violarle, con una nuova protesta indetta per il 12 giugno.