ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Siria: 17 diplomatici dichiarati "indesiderati"


Siria

Siria: 17 diplomatici dichiarati "indesiderati"

La Siria continua a sfidare la comunità internazionale, Damasco ha dichiarato “indesiderati” 17 diplomatici.

Una ritorsione anche se solo simbolica, visto che gran parte dei Paesi interessati, tra cui l’Italia, avevano già ritirato i propri ambasciatori in segno di protesta contro il massacro di Hula.

A margine di un incontro con gli osservatori dell’Onu, il vice-ministro degli esteri siriano ha commentato la decisione. “Ci dispiace di aver dovuto prendere queste misure perché gli altri non vogliono che la missione Annan abbia successo”, ha affermato Faisal Maqdad. “Non vogliono la stabilità che tutti i siriani desiderano veder tornare nel Paese”.

Sul fronte umanitario, Damasco dietro pressioni internazionali ha autorizzato l’ingresso di diverse Ong in quattro città siriane. Ma non si ferma l’esodo verso la vicina Turchia: nei primi giorni di giugno circa 2.700 siriani hanno oltrepassato la frontiera. In totale sono 27.000 i profughi nei campi d’accoglienza turchi.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

mondo

Aperto a Tripoli primo processo ad alti funzionari di Gheddafi