ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Mosca in piazza in difesa della libertà di manifestare

Lettura in corso:

Mosca in piazza in difesa della libertà di manifestare

Dimensioni di testo Aa Aa

Proteste a Mosca davanti alla Duma che esamina la modifica all’articolo 31 sulla libertà di raduno.

“Al popolo non sarà consentito non solo esprimere opinioni politiche ma neppure camminare e basta”, spiega Sergei Mitrokhin, leader del partito Yabloko, prima di ribellarsi alla polizia che rompe il picchetto e di venire portato via a forza.

Insieme a lui, sono state fermate una ventina di persone contrarie al progetto di legge proposto dal partito di governo Russia Unita.

La Duma sta passando al vaglio in seconda battuta il testo che prevede multe salate per partecipanti e organizzatori di mobilitazioni non autorizzate, rispettivamente da 7 mila a 15 mila euro circa.

“Questo succede quando la tensione nella società sta crescendo in forza, quando cresce la mobilitazione della gente”, afferma
Gennady Gudkov, membro del parlamento e del partito Russia Giusta, “questo è un evidente tentativo di affossare la protesta o metterla in un angolo, sappiamo come finisce di solito”.

Obiettivo della protesta, che da tre anni va in scena il 31 di ogni mese come richiamo all’articolo in questione, è ritardare l’approvazione della legge fino alla grande manifestazione prevista per il 12 giugno prossimo.