ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Davanti ai giudici Magnotta, "Canadian Psycho"

Lettura in corso:

Davanti ai giudici Magnotta, "Canadian Psycho"

Dimensioni di testo Aa Aa

Compare oggi davanti ai giudici Luka Rocco Magnotta, sospettato di avere ucciso e fatto a pezzi uno studente cinese arrestato a Berlino. L’uomo – arrestato a Berlino – è anche già nel mirino della giustizia del Canada – Paese di origine – che sta lavorando per ottenerne l’estradizione.

29 anni, è stato bloccato ieri in un internet cafè della capitale tedesca, dove ha terminato una fuga di dieci giorni dal Canada alla Germania, attraverso la Francia. Kadir Anlaysisli lavora all’internet cafè. È stato lui ad avvertire le autorità: “È entrato dicendo che voleva consultare internet – ha detto -. Gli ho detto di sedersi alla postazione 25. In quel momento ho pensato di averlo visto da qualche parte, e mi sono reso conto che era la persona ricercata dalla polizia. Non ho usato il telefono. Sono uscito per fermare la polizia direttamente e ho detto che la persona ricercata era nell’internet cafè. Gli agenti sono entrati e lo hanno preso”.

Magnotta si è lasciato prendere senza opporre resistenza. Era diventato il sospettato numero uno dell’omicidio a fine maggio a Montréal di uno studente cinese di 32 anni. È accusato di averlo ucciso e fatto a pezzi – alcuni dei quali spediti per posta – prima di caricare il video del crimine su internet. Secondo la polizia, Magnotta avrebbe avuto una relazione sessuale con la vittima, che potrebbe non essere l’unica di quello che ormai è conosciuto come Canadian Psycho.