ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Fiscal compact "in Irlanda primi conteggi indicano vittoria sì"

Lettura in corso:

Fiscal compact "in Irlanda primi conteggi indicano vittoria sì"

Dimensioni di testo Aa Aa

Il referendum in Irlanda sul fiscal compact dovrebbe passare con una maggioranza attorno al 60%. Questa la previsione del governo di Dublino mentre è in corso il conteggio delle schede.

Tutti i sondaggi erano concordi nel ritenere la ratifica abbastanza tranquilla, ma la scarsa affluenza alle urne – al 50% – aveva sollevato il timore che l’apatia potesse favorire il no. Una bocciatura del patto sarebbe un brutto colpo per l’esecutivo di Enda Kelly, impegnato a risolvere la crisi del debito.

Sembra fallito il tentativo dell’opposizione, lo Sinn Fein di Gerry Adams e alcuni sindacati, di fare leva sulla rabbia verso l’Europa, accusata di aver sottratto a Dublino il controllo del suo destino.

L’Irlanda è l’unico paese europeo dove l’obbligo al pareggio di bilancio è stato sottoposto a referendum.

Il Trattato è stato respinto da Gran Bretagna e Repubblica Ceca, ma per la sua applicazione basta la ratifica di 12 Paesi membri.

Dublino ha già bocciato due volte dei trattati europei per poi cambiare idea in una seconda
successiva consultazione, ma solo dopo aver ottenuto delle concessioni: questa volta dovrebbe pesare e non poco la minaccia della sospensione degli aiuti europei in caso di respingimento dell’accordo, contenuta nel testo del Trattato.