ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Siria a un punto di stallo, divisioni anche tra i ribelli

Lettura in corso:

Siria a un punto di stallo, divisioni anche tra i ribelli

Dimensioni di testo Aa Aa

Uniti nell’obiettivo, ma divisi nelle strategie. La comunità internazionale guarda con preoccupazione all’evoluzione della crisi in Siria dove si continua a sparare: il piano di Kofi Annan si è dimostrato inefficace e il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite è chiamato a trovare una soluzione, il pomo della discordia restano i mezzi per fare pressione sul regime di Damasco, i Paesi occidentali chiedono altre sanzioni, la Russia si oppone. Il Segretario generale delle Nazioni Unite, intanto, invoca il rispetto del piano di pace.

Ban Ki Moon, Segretario generale Onu: “L’inviato speciale di Onu e Lega araba Kofi Annan ha espresso preoccupazione per l’evoluzione della situazione in Siria, se si dovesse ripetere il massarco di civili, come quello avvenuto nel weekend, il Paese precipiterebbe in una catastrofica guerra civile, da cui non portebbe riprendersi”.

E sulle strategie si spaccano anche i ribelli: il colonnello dell’esercito libero siriano Riad Al Assaad dalla Turchia ha smentito la notizia dell’ultimatum lanciato dal suo collega Qassem Saad ad Din. Mentre a 48 ore dalla visita di Annan le autorità siriane hanno annunciato di aver liberato 500 prigionieri arrestati nella repressione in corso da 14 mesi.