ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Eurovision a richio attentato, silenzio per evitare panico e polemiche

Lettura in corso:

Eurovision a richio attentato, silenzio per evitare panico e polemiche

Dimensioni di testo Aa Aa

Misteri e polemiche intorno all’Eurovision 2012 di Baku: vetrina di successo per l’Azerbaigian, palcoscenico per la rivendicazione dei diritti umani, luogo di protesta contro il governo e a cinque giorni dalla fine si scopre anche teatro di un maxi attentato sventato. Le autorità del paese hanno annunciato l’arresto di quaranta militanti di un gruppo islamico radicale, forse legato ad Al Qaeda e l’uccisione del loro leader, avrebbero programmato un attacco simultaneo contro più obiettivi: la sala del concerto, il presidente Ilham Aliev, luoghi di polizia e di culto in varie città. L’episodio è stato svelato a festival concluso per evitare il panico, già da mesi era in corso un’operazione contro la cellula operativa dall’estate del 2011. La notizia porta nuove inquietudini in uno stato che punta a crescere con i proventi del petrolio, ma che deve fare i conti con un’opposizione che chiede la libertà negata.