ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

GB, Corte Suprema: sì all'estradizione di Assange in Svezia

Lettura in corso:

GB, Corte Suprema: sì all'estradizione di Assange in Svezia

Dimensioni di testo Aa Aa

La Corte Suprema britannica ha deciso di autorizzare l’estradizione di Julian Assange in Svezia. Il fondatore di WikiLeaks, che è accusato di stupro e molestie da due donne e che si trova agli arresti domiciliari nel Regno Unito, aveva presentato ricorso mettendo in discussione la validità del mandato d’arresto europeo in base al quale sarebbe stato disposto il suo trasferimento.

Ma la Corte Suprema, con una maggioranza di cinque giudici favorevoli su sette, ha dichiarato valido il mandato, anche se emesso da un pubblico ministero anziché da un giudice, e ha quindi confermato l’estradizione già autorizzata da altri due tribunali.

Assange, che può ancora appellarsi alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, sostiene che dietro le accuse ci siano in realtà pressioni degli Stati Uniti che lo considerano un nemico della sicurezza nazionale per le sue rivelazioni di segreti diplomatici e militari.

La sentenza ha deluso i suoi sostenitori assiepati davanti alla Corte Suprema.