ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Attesa la sentenza per l'ex presidente Taylor, anche dalle sue vittime

Lettura in corso:

Attesa la sentenza per l'ex presidente Taylor, anche dalle sue vittime

Dimensioni di testo Aa Aa

Un piccolo villaggio appena fuori Makeni, nord della Sierra Leone. Qui di Charles Taylor si ricordano bene. Le forze armate rivoluzionarie che facevano capo all’ex presidente liberiano, vi hanno compiuto alcune delle atrocità per le quali sono diventate famose. Tra le vittime delle mutilazioni compiute per suo ordine non c‘è spazio per il perdono.

Sento Thoronka e Susan Kanu sono due giovaniche hanno subito l’amputazione del braccio sinistro.

“Quando sconterà la sua condanna – dice la prima – mi sentirò bene, perché ci ha fatto cose tremende. Non c‘è nulla che nessuno può dirmi per farmi dimenticare quello che ha fatto. Perché guardandomi vedo la mia diversità”.

“Cosa significa per me? Che lo condannino. Che lo ammazzino” ha aggiunto la seconda.

Taylor è stato condannato il mese scorso per 11 capi di imputazione relativi a crimini di guerra e contro l’umanità, in un processo che rappresenta una pietra miliare nell’attività del tribunale internazionale dell’Aia.

Mercoledì sarà pronunciata la sentenza, la prima contro un ex capo di Stato dopo i processi seguiti alla seconda guerra mondiale. Con ogni probabilità carcere a vita.