ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Egitto: è sfida tra Mursi e Shafiq

Lettura in corso:

Egitto: è sfida tra Mursi e Shafiq

Dimensioni di testo Aa Aa

Ingegnere, 60 anni, ha studiato negli Stati Uniti: Mohamed Mursi si è trovato quasi per caso a rappresentare i Fratelli Musulmani alle presidenziali egiziane. Il candidato prescelto, Khairat al-Chater, è stato costretto a rinunciare alla corsa, a causa di una condanna penale rimediata ai tempi di Mubarak. Mursi ha faticato a togliersi di dosso l’etichetta di “ruota di scorta”: chi non lo apprezza, lo accusa di avere scarso carisma e di trovarsi in lizza quasi per caso. Ha conosciuto due volte il carcere: prima per sette mesi e poi per pochi giorni per aver partecipato a una manifestazione a sostegno di magistrati riformisti e per aver difeso la sollevazione anti-Mubarak.

Ahmed Shafiq ha il suo tallone d’Achille nell’ultima carica ricoperta: è stato il premier dell’ultimo governo di Hosni Mubarak. Una macchia indelebile per i protagonisti della rivolta che ha portato alla deposizione dell’ex presidente. Perchè, per chi ha partecipato alla primavera egiziana, Shafiq coincide con il vecchio regime. 70 anni, laico, ex capo di stato maggiore dell’aeronautica, ha tentato in tutti i modi di smarcarsi dal suo passato, affermando tra l’altro, di aver fatto la rivoluzione al regime di Mubarak dall’interno invece che dalle piazze.