ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ricette per la crescita, piatto forte alla cena dei leader Ue

Lettura in corso:

Ricette per la crescita, piatto forte alla cena dei leader Ue

Dimensioni di testo Aa Aa

I dirigenti europei si sono trovati a Bruxelles per discutere di come rilanciare la crescita economica. Un tema che divide, in particolare la coppia franco-tedesca, e in particolare se si evocano gli eurobond.

Ma questa riunione informale non è la sede per uno scontro frontale. In vista del vertice di fine giugno, il presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompey ha auspicato che prevalga la volontà di trovare un compromesso.

Il leader dei liberali Guy Verhofstadt afferma: “Se continuiamo di questo passo, senza affrontare i problemi reali, senza procedere verso la mutualizzazione del debito, possiamo dire addio all’euro. E se perdiamo l’euro, la Germania sarà la prima a subirne le conseguenze”.

Sul dibattito pesano i timori per la Grecia. Nessuno è disposto ad ammettere che l’Europa si prepari a un’uscita del paese dall’euro, ma i mercati hanno già cominciato a scontare l’eventualità, e la moneta unica è scesa per la prima volta dall’estate 2010 sotto gli 1,26 dollari.

L’analista Sony Kapoor sostiene che “i leader europei e i dirigenti greci devono abbassare i toni e realizzare che il futuro di Atene non può che essere nella zona euro. Tutti pagherebbero un prezzo elevatissimo se il braccio di ferro portasse a decisioni irreparabili”.

Per decisioni o impegni precisi occorrerà attendere il prossimo vertice europeo di giugno. Ma le idee che sono messe sul tavolo a Bruxelles potranno servire a sbloccare un’intesa che dia concretezza ai tanti impegni per la crescita rimasti finora solo sulla carta.