ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Grecia perplessa per nuovo voto, si avvicina lo spettro della dracma

Lettura in corso:

Grecia perplessa per nuovo voto, si avvicina lo spettro della dracma

Dimensioni di testo Aa Aa

L’incubo che l’Europa intera aveva prospettato si è materializzato. Le elezioni del 6 maggio in Grecia si sono rivelate inutili e gli ellenici torneranno alle urne, con ogni probabilità il 17 di giugno. E, secondo i sondaggi, primo partito diventerà quello che alla recentissima tornata è stato secondo: la sinistra radicale di Syriza. Non è detto che allora si potrà governare.

Tra la popolazione si avvertono sentimenti di scoramento. Questi alcuni pareri raccolti per le strade di Atene:

“Avrei preferito che avessero trovato un accordo per cambiare le politiche attuali. Così che si sarebbe potuta avviare la strada per la crescita, piuttosto che quella verso la povertà”.

“Non so cosa ci attende, ma voterò come ho già votato. Finora abbiamo sentito solo bugie, quindi davvero non so cosa ci aspetta. C‘è grande incertezza”.

L’ipotesi di uscire dall’euro fa sempre più paura tra i greci che ancora vantano qualche risparmio. Nella sola giornata di lunedì 700 milioni di euro si sono volatilizzati dalle banche elleniche. In buona parte diretti verso l’estero, per evitare la perdita di potere d’acquisto che sarebbe generata da un ritorno alla dracma.