ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Hollande, il giorno dell'investitura

Lettura in corso:

Hollande, il giorno dell'investitura

Dimensioni di testo Aa Aa

François Hollande assaggerà subito quanto possa essere faticosa la vita a capo dell’Eliseo. Lunedì si è congedato tra i brindisi dal consiglio nazionale del Partito socialista, dirigendolo per l’ultima volta.

Martedì l’agenda del neopresidente, dopo l’investitura, non prevede ulteriori festeggiamenti, ma un immediato volo per Berlino.

Il protocollo del passaggio di consegne con Nicolas Sarkozy prevede l’insediamento all’Eliseo al mattino, il saluto allo staff presidenziale, il bagno di folla all’Hotel de Ville con relativo annuncio del nome del primo ministro.

Poi rotta verso la Germania, dove è atteso dalla alleata/avversaria Angela Merkel. Il cancelliere tedesco è uscito malconcio dalle elezioni in Nord Reno-Westfalia, ma ben deciso a non spostare di un millimetro il timone dalla rotta del rigore.Hollande, invece, vuole dare qualche picconata alle granitiche certezze con le quali è stata condotta negli ultimi anni l’Europa sull’asse franco-tedesco. Ma quello di oggi “sarà solo un primo contatto”, ha detto il neopresidente, “non entreremo nemmeno nel vivo”.

Di certo entra subito nel vivo il suo mandato, che si annuncia irto di difficoltà.