ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Spagna: Bankia, la principale nazionalizzazione dal 2008

Lettura in corso:

Spagna: Bankia, la principale nazionalizzazione dal 2008

Dimensioni di testo Aa Aa

Il più grande salvataggio bancario in Spagna contribuirà a risollevare il settore? Con l’acquisizione del 45 per cento di Bankia, il governo spagnolo procede all’ottava nazionalizzazione dal 2008, la più importante. Si tratta del quarto gruppo finanziario, nato dall’unione di sette casse di risparmio, gravato da 32 miliardi di asset tossici.

“E’ tremendo, tremendo, tremendo”, dice un cittadino spagnolo. “Tutto è improvvisato, le cose non vengono pensate in modo adeguato, agiscono giorno per giorno, la mattina dicono una cosa, il pomeriggio un’altra. E’ una vergogna, come tutto quello che sta facendo il governo”.

Madrid ha realizzato tre piani di risamento consecutivi per il settore bancario nel quale la bolla immobiliare ha lasciato 184 miliardi di asset tossici. Le vendite di case sono diminuite per il tredicesimo mese di fila e i prezzi continuano a crollare.

“C‘è una grande incertezza sui prezzi degli immobili in Spagna, e, cosa più importante, l’appetito del settore privato per questi beni è basso”, afferma Thomas Costerg, economista di Standard and Chartered. “C‘è il grande timore che il governo spagnolo debba intervenire di più e debba sostenere il settore bancario attraverso una somma maggiore”.

Il governo venerdì annuncerà nuove misure, chiederà alle banche ulteriori accantonamenti sui prestiti immobiliari. Sull’operazione Bankia, Bruxelles deve valutare se si tratta di aiuti di stato. Il titolo di in borsa in meno di un anno ha perso metà del valore.