ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Algeria al voto. Islamici moderati favoriti

Lettura in corso:

Algeria al voto. Islamici moderati favoriti

Dimensioni di testo Aa Aa

Giovedi elettorale in Algeria. I partiti in lizza per conquistare seggi parlamentari sono 44 a cui vanno aggiunte 183 liste indipendenti.

Un affollamento mai registrati prima a cui rischia di fare da contraltare un’astensione massiccia, in particolare tra i giovani le principali vittime della disoccupazione, apatici e disillusi sulle reali possibilità di un cambiamento.

I favoriti sono i partiti islamici riuniti nell’Alleanza verde, dominati dai moderati e che hanno diversi leader legati all’attuale establishment. Molti di loro sono stati in passato ministri.

L’Algeria ancora costretta a fare i conti con le cicatrici della guerra fratricida degli anni 90 non ha avuto diritto alla sua razione di “primavera araba” come invece è successo ai paesi vicini.
Tra le masse di diseredati fuggiti dalla campagne per affluire nelle bidonville è la disillusione a farla da padrona.

“Per chi dovrei votare? Ditemelo voi! Vengono tutti qua a fare promesse e poi dopo il voto scompaiono e nessuno li vede piu’” spiega un abitante delle immensa periferia di Algeri.

Eppure il prossimo futuro porterà comunque a dei cambiamenti. L’anno prossimo ci saranno le presidenziali e Abdelaziz Bouteflika dovrebbe uscire di scena e con lui prepara l’addio un’intera generazioni di alti papaveri al potere ormai da decenni