ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Usa-Cina: la Clinton lascia Pechino, il dissidente Chen per ora resta

Lettura in corso:

Usa-Cina: la Clinton lascia Pechino, il dissidente Chen per ora resta

Dimensioni di testo Aa Aa

Hillary Clinton lascia Pechino ma il caso Chen non è ancora chiuso, e il dissidente per ora resta in Cina. Il vertice annuale tra Cina e Stati Uniti è stato dominato dalle trattative condotte dal Segretario di Stato Usa per sbloccare lo stallo creato dalla vicenda dell’avvocato autodidatta cieco, rifugiatosi nell’ambasciata statunitense di Pechino dopo la fuga dagli arresti domiciliari cui si trovava da oltre un anno e mezzo, e che si trova ora in ospedale per le ferite riportate.

Le autorità cinesi hanno tuttavia assicurato che Chen Guangcheng portà partire con la famiglia per gli Stati Uniti per un periodo di studio all’Università di New York. Gli attivisti per i diritti umani esprimono cautela e sottolineano che il governo cinese potrebbe temporeggiare nella concessione dei documenti per l’espatrio.

Una residente di Hong Kong commenta: “Il coinvolgimento di un altro Paese negli affari del tuo Paese non è qualcosa di cui essere fieri – dice -. Ma la Cina è un caso così unico, dunque mi auguro che il signor Chen possa ottenere la libertà e un trattamento equo”.

Chen, 40 anni, si trova in un ospedale di Pechino per curarsi la ferita a un piede subita durante la fuga. Il dissidente ha detto di avere fiducia nel premier Wen Jiabao e di sperare che il presidente Obama non si giri dall’altra parte e che lo protegga.