ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Iran al voto, secondo turno delle legislative

Lettura in corso:

Iran al voto, secondo turno delle legislative

Dimensioni di testo Aa Aa

I seggi elettorali sono aperti da stamattina in 33 circoscrizioni iraniane, per il secondo turno delle legislative che dovrebbe consolidare il potere del leader supremo, Ali Khamenei. Le liste a lui vicine hanno dominato il primo turno, che si era tenuto un paio di mesi fa. Khamenei spera in un’affluenza massiccia, che trasformerebbe il voto in un plebiscito per la leadership radicale:

“Il mio consiglio per gli elettori – ha detto – è che dovrebbero prendere questo ballottaggio seriamente come il primo turno. Più voti noi, il popolo, diamo ai nostri rappresentanti, più i rappresentanti avranno fiducia in sé stessi, capacità e credibilità”

Al primo turno l’affluenza era stata elevata, anche se l’opposizione, che aveva in gran parte boicottato il voto, ha contestato i dati e i metodi adottati per spingere gli elettori a recarsi alle urne. Questa elettrice sembra convinta della sua missione:

“I candidati – dice – conoscono la situazione del Paese, sanno quello che devono fare. Il nostro scopo, partecipando alle elezioni, è migliorare le cose, per avere un Paese migliore”

Con 65 deputati da eleggere di cui 25 a Teheran, il presidente Ahmadinejad spera in questo secondo turno di prendersi una piccola rivincita dopo la pesante sconfitta subita al primo turno.