ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Un esperto: il dibattito TV Sarkozy-Hollande non influenzerà il voto

Lettura in corso:

Un esperto: il dibattito TV Sarkozy-Hollande non influenzerà il voto

Dimensioni di testo Aa Aa

Per capire meglio quale peso abbia l’unico dibattito televisivo fra Sarkozy e Hollande, Euronews ha sentito Gaël Sliman, della BVA Opinion, uno dei principali istituti di sondaggio francesi.

Giovanni Magi, euronews:
“In generale, in Francia, un dibattito televisivo può influenzare l’esito del voto?”

Gaël Sliman, BVA Opinion:
“Questi dibattiti esistono da una quarantina d’anni. Non hanno mai modificato il risultato di un’elezione, o almeno non ce n‘è la prova. Tutti i sondaggi fatti prima e dopo i dibattiti hanno mostrato che non c’era stato alcun cambiamento.”

euronews:
“Al ballottaggio chi sceglieranno gli elettori che hanno votato per i candidati bocciati al primo turno?”

Sliman:
“La stragrande maggioranza degli elettori di estrema sinistra – di Jean-Luc Mélenchon, quasi 9 su 10 – si prepara a ripiegare su François Hollande. Gli elettori di estrema destra, quelli che hanno votato per Marine Le Pen, sono molto meno compatti nella scelta. Meno di 6 su 10 puntano su Nicolas Sarkozy e il 20% dovrebbe optare per François Hollande.”

euronews:
“Quale potrebbe essere il peso delle astensioni e degli indecisi?”

Sliman:
“Una larga fetta dell’elettorato è decisa ad andare a votare ed è già certa della propria scelta. Anche chi intende astenersi è sicuro della propria scelta. Marine Le Pen ha lanciato un appello a votare scheda bianca o ad astenersi. Se i suoi elettori seguiranno queste indicazioni la disfatta di Sarkozy potrà essere ancora più ampia delle previsioni. Al contrario, se gli elettori del Front National si mobiliteranno per lui, ciò permetterà al presidente uscente di ridurre la distanza da Hollande.”

“Sono giornate dure queste per i sondaggisti – dice il nostro corrispondente da Parigi Giovanni Magi – Ma, a parte le statistiche, è il clima della campagna che continua a surriscaldarsi. Da qui a domenica, c‘è da scommettere che ci saranno altre occasioni di dibattito, di discussione e di polemica.”